S-adenosilmetionina e dopamina

S-adenosil-l-metionina, o SAM-e, è una sostanza chimica prodotta naturalmente all’interno del corpo per l’uso in diversi percorsi metabolici diversi. I supplementi contenenti SAM-e sono stati utilizzati per decenni nel trattamento di una serie di condizioni apparentemente non correlate. SAM-e ha ottenuto un rating B della Mayo Clinic per la sua efficacia dimostrabile nel trattamento del dolore e dell’infiammazione e delle valutazioni C per la depressione e la colestazione intraepatica, che richiedono ulteriori studi per una forte approvazione a partire dal 2011. In Europa SAM-e È disponibile a prescrizione solo come farmaco Ademetionine. Nonostante la sua consolidata efficacia e la lunga storia di utilizzo, il meccanismo d’azione di SAM-e non è chiaramente compreso. Tuttavia, il SAM-e è noto per aumentare i livelli di dopamina, serotonina e epinefrina nel cervello, così come molti nuovi farmaci antidepressivi. Secondo il Centro di Ricerca per Prevenzione Yale, SAM-e può affrontare alcuni dei sintomi di depressione non affrontati da farmaci specifici per la serotonina aumentando sia i livelli di dopamina che i livelli di serotonina.

Scoperto nel 1952, SAM-e è stato rapidamente determinato a svolgere un ruolo centrale nei percorsi biochimici cellulari. SAM-e è un precursore essenziale nelle vie di trans-sulfurazione, aminopropilazione e metilazione. Nella transsulfurazione, SAM-e ringiovanisce direttamente l’omocisteina per produrre glutathione, il più potente antiossidante del corpo. Facilita anche il sollievo dal dolore e la riduzione dell’infiammazione attraverso la sintesi delle sperminozine e delle spermine delle poliammine che uccidono il dolore. Questo, così come il riciclaggio dell’amminoacido metionina, vengono realizzati mediante aminopropilazione. Nelle reazioni di metilazione cellulare, SAM-e funge da donatore di metil. Attraverso questo processo vengono prodotte proteine, fosfolipidi e acidi nucleici. I neurotrasmettitori della monoammina, come la serotonina, la norepinefrina e la dopamina, sono anche fatti in parte attraverso la metilazione.

La prima generazione di farmaci antidepressivi è stata la classe di inibitori della monoammina ossidasi. Scoperti accidentalmente, questi farmaci hanno aumentato i livelli sinaptici di non solo la serotonina, ma anche la dopamina e la noradrenalina. Anche se erano notevolmente efficaci nel trattamento della depressione, sono caduti in disuso a causa dei loro effetti collaterali potenzialmente letali. Sebbene gli antidepressivi di seconda e terza generazione si concentrino quasi esclusivamente sui livelli di serotonina aumentanti, i nuovi farmaci antidepressivi nel 2011 sono ancora una volta focalizzati sull’aumento della dopamina sinaptica e della noradrenalina. L’aumento dei livelli di norepinefrina nel cervello è pensato per produrre una sensazione di maggiore energia, eccitazione e potenzialmente stress. I livelli di dopamina aumentati, tuttavia, promuovono sensazioni di autocertificazione, benessere e soddisfazione.

Anche se i livelli ridotti della dopamina, della serotonina e della norepinefrina sono associati alla depressione clinica, queste sostanze chimiche non possono essere considerate come integratori orali. Sono rapidamente distrutti dall’enzima monoammina ossidasi. Indipendentemente da ciò, sono strutturalmente incapaci di attraversare dal flusso sanguigno nel cervello. SAM-e, comunque, è in grado di attraversare la barriera emato-sangue e può funzionare permettendo al corpo di rendere più di questi neurotrasmettitori direttamente all’interno del cervello.

A partire dal 2011, farmaci anti-depressivi specifici come la Prozac sono stati superati da farmaci che influenzano anche i livelli di noradrenalina o dopamina. Secondo Pharmacy Times, il farmaco agonista della dopamina Abilify è diventato la sesta medicina più prescritta nel paese poiché è stato approvato come un farmaco aggiuntivo per la depressione. Questa tendenza è probabilmente dovuta all’incapacità di antidepressivi specifici della serotonina per trattare adeguatamente un modello di sintomi che accompagnano la depressione che comprende l’apatia, la perdita del piacere, la stanchezza, il sonno eccessivo, la perdita di interesse e la minore motivazione. Questi sono tutti ritenuti moderati non attraverso il sistema serotonergico, ma il sistema dopaminergico. SAM-e, con le sue proprietà di elevazione della dopamina e della serotonina, potrebbe potenzialmente esercitare i suoi effetti antidepressivi anche attraverso questo meccanismo.

Stesso

La dopamina

Relazione SAM-e / Dopamine

Effetti sulla depressione